Vigne dorate, paesi fiabeschi, Gran Cru e Crémant: la nostra Route des Vins d’Alsace


Wine on the road / domenica, Ottobre 27th, 2019

Partenza ore cinque, alba tra i meravigliosi panorami svizzeri, croissant e caffè con vista sui filari dorati: così è iniziato il nostro fine settimana alla scoperta della rinomata Alsazia.

La route des Vins d’Alsace è un itinerario enogastronomico che attraversa i piccoli borghi alsaziani, le dolci colline vitate, e permette sia di degustare i celebri vini bianchi che le specialità locali. 

Per questo weekend la nostra maison alsacienne è stata Châtenois un paesino vicino a Colmar di cui ci siamo innamorati per la sua tipicità, le sue piccole dimensioni e una panetteria che alla mattina sfornava croissant da favola.

La nostra prima meta è stata Colmar. Sicuramente la città più grande rispetto ai paesi circostanti, ma che conserva comunque i suoi aspetti più tipici. Definita anche la Petit Venice, è attraversata da piccoli canali che la rendono ancor più romantica. Anche se avete poco tempo per visitarla non potete farvi mancare:

  • Marche Couvert: raccoglie tutte le specialità alsaziane, dai formaggi, al foie gras, ai prodotti da forno; è possibile anche pranzare tra i banchi con un Flammkuchen o con un tagliere di formaggi, magari accompagnato da un calice di Gewurz locale;
  • La collegiale Saint Martin: la cattedrale di San Martino ci ha colpito per la sua imponenza e la maestosa architettura gotica; prendetevi cinque minuti per ammirarla anche esternamente magari seduti ad un tavolino del Salon The Clergue, degustando il loro tradizionale eclaire alla vaniglia;
  • La celebre Statua della Libertà riprodotta all’ingresso della città; il suo scultore Frederic Auguste Bartholdi, era originario di Colmar, la sua casa natale è oggi un museo dedicato alla sua storia e ai suoi progetti;

La nostra prima tappa enologica è stata la Domaines Schlumberger che nasce nel 1810 con Nicola Schlumberger e i primi 20 ettari vitati. Con le generazioni successive l’azienda cresce principalmente a seguito di due eventi: la filossera e la prima guerra mondiale; queste due catastrofi portarono molte famiglie nei dintorni ad abbandonare le vigne perchè non erano più in grado di coltivarle, e così la famiglia Schlumberger decise di fare grandi investimenti e acquistare tutti i territori  circostanti.

Oggi, arrivati alla settima generazione, la cantina coltiva 140 ettari di cui ben 70 classificati come Gran Cru.

Il nostro tour è iniziato con una visita all’ azienda in cui la gentilissima Annalisa ci ha spiegato tutto il processo produttivo, dall’arrivo dei grappoli in azienda fino all’affinamento in bottiglia in attesa dell’etichettatura e spedizione.                          Oltretutto erano gli ultimi giorni di vendemmia quindi abbiamo avuto la fortuna di vedere un’azienda concretamente al lavoro ed è stato molto interessante.

La fase sicuramente più affascinante, e che abbiamo potuto vedere personalmente, è stata la fermentazione nelle enormi bottaie sotterranee. In queste botti di quercia, che hanno più di cento anni ,avviene una fermentazione che può durare da 6 a 12 mesi a temperature controllate grazie alla termoregolazione interna presente in ogni botte (unione di innovazione e tradizione). 

Siamo poi passati alla Cellar per la degustazione.

Abbiamo iniziato degustando i vini della linea tradizionale definita “Les Princes Abbés“, per passare poi alle Gran Cru presenti in 3 varietà, Riesling, Pinot Gris e Gewurztraminer e poi alle eccezionali “Cuvées de Collection“: Vandages Tardives e Selection des Grains Nobles.

L’aspetto sicuramente più interessante è stato comparare l’evoluzione dello stesso vitigno nella linea Les Princes Abbes e nella selezione Gran Cru.

Nel primo caso il vino si presenta, in linea generale, fresco, sapido, ben equilibrato e persistente, nel secondo l’evoluzione aggiunge complessità, una nota dolce più accentuata per alcuni vitigni come il Gewurz, per altre regala maggiore armonia e finezza sia nelle durezze che nelle morbidezze offrendo un vino intenso e persistente, come nel Pinot Gris.

Irrinunciabili le degustazioni di “Vandages Tardives” e “Sélection de Grains Nobles“. A colpirci particolarmente è stata la vendemmia tardiva di Gewurztraminer, vino dolce, complesso, che riesce a bilanciare la sua viscosità con una freschezza e sapidità importanti. Perfetto da solo, alla fine del pasto con un dolce tipico alsaziano; questo vino racchiude profumi e sentori che partono dalla marmellata di albicocca per passare al dattero e al miele, fino a toccare note speziate.

Qui si conclude la prima giornata in Alsazia, ma presto vi racconteremo il nostro programma per il secondo giorno ricco di tanti dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *