Merano wine festival


Eventi / domenica, Novembre 10th, 2019

Realtà vitivinicole interessanti, materie prime d’eccellenza, focus su zone emergenti: Merano Wine Festival è questo e molto altro! Arrivata alla sua 28esima edizione, è una fiera dinamica e in continuo rinnovamento, con un’ampia e ricca organizzazione che permette agli esperti del settore e agli appassionati di conoscere realtà nuove e di assaggiare alcune chicche imperdibili.

Quest’anno siamo stati ospiti di questa manifestazione e siamo stati davvero molto entusiasti per l’esperienza che abbiamo vissuto: abbiamo trovato una fiera ben organizzata, nonostante l’affluenza in crescita di anno in anno, e con proposte molto interessanti, oltre ai tradizionali banchi d’assaggio.                Tutto quanto è reso ancora più magico dalla cornice della splendida Merano che ogni anno per una settimana diventa un inno al vino e alle eccellenze enogastronomiche.

Siamo rimasti per due giorni a Merano, ma in questo articolo, non ci concentreremo sui vini che abbiamo assaggiato (non basterebbero 10 articoli) vi daremo alcune notizie e consigli per chi, come noi, vuole partecipare per la prima volta al Festival. Partiamo da alcune informazioni generali: Il festival è suddiviso in più aree adibite ad eventi e degustazioni:

Kurhaus, cuore del Festival, location fiabesca costruita alla fine del 19 secolo. La vera chicca? Sicuramente la sala teatrale, centro della manifestazione, ricca di affreschi e di un’ atmosfera senza tempo;
– Gourmet Arena, terrazza che collega la Kurhaus alla passeggiata esterna, ospita le eccellenze della Culinaria, Beerpassion, Aquavitae, Consortium&Territorium e Extrawine. Interessante per chi ama il mondo oltre il vino e per assaggiare prodotti straordinari;
– Piazza della Rena, ospite quest’anno di The Circle, luogo divertente e ricco di intrattenimento con degustazioni guidate e show-cooking! Per noi la presentazione della Puglia e le sue eccellenze è stata davvero interessante!

Hotel Terme Meran, luogo storico del paese dove potersi rilassare e farsi coccolare nel centro benessere. Quest’anno ha ospitato le Charity Wine Masterclasses, il cui raccolto è stato interamente devoluto in beneficenza. Personalmente abbiamo partecipato a quelle della cantina Ca Viola con una verticale dei suoi Barbera e Barolo e a quella relativa ai vini Austriaci, interessanti e formative, per chi vuole approfondire alcune tematiche.
Corso Libertà, parte del Fuorisalone che si dirama per tutta la città con partner come Tannico e Signorvino e manifestazione che si svolgono durante la giornata e serata, per chi vuole vivere in wine festival after dinner!

Ecco poi alcuni alcuni consigli per voi:

Prima della partenza, date un’occhiata agli espositori presentati sul sito, in questo modo, soprattutto se visitate la fiera in giornata, non rischierete di perdervi tra gli stand! Arrivati alla Kurhaus potrete poi ritirare la guida ufficiale con segnalate tutte le posizioni se non siete riusciti a farlo prima.
Seguite un ordine abbastanza logico, partendo dalle bollicine per poi passare ai vini bianchi, rossi e dolci. Non è per essere tradizionalisti o bacchettoni ma dopo aver visto persone bere Champagne in un bicchiere macchiato di rosso siamo rimasti sconvolti;
– Se avete solo un giorno per visitare la fiera, utilissima è Wine Hunter Area la selezione di The Wine Hunter presente alla fine della sala teatrale, controllando la lista e indicando ai sommelier il numero di bottiglia che vi interessa potrete fare un viaggio nelle eccellenze italiane in poco tempo;
– se avete due o più giorni organizzate le vostre degustazioni per zone o per vitigni e ritagliatevi del tempo per godervi Merano, passate qualche ora nelle celebri terme e soggiornate negli hotel rinomati per la gestione calda e famigliare. Noi abbiamo soggiornato all’ hotel Burggräflerhof dove abbiamo anche cenato e siamo stati davvero soddisfatti! Personale gentilissimo, bellissima camera e cena da alta ristorazione!

Fate domande, chiedete ai produttori tutte le vostre curiosità, e perdetevi nei loro racconti. Sicuramente apprezzerete un vino per i suoi sentori e profumi, ma lo ricorderete ancor meglio conoscendo la storia dietro la sua etichetta!

Non vediamo l’ora di partecipare alla prossima edizione e aspettiamo la manifestazione Wine & Siena prevista per la prossima primavera! Calici su e alla prossima fiera insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *